20 ESSENTIALS: Elettronica Hi-Fi 2011-2016
20 ESSENTIALS: Elettronica Hi-Fi 2011-2016
di Valerio Mattioli

[nell'immagine: Daniel Lopatin / Oneohtrix Point Never]

Quelle che stiamo conoscendo in questi anni, avvertiva Antonio Ciarletta su queste pagine un po' di mesi fa, sono “musiche della transizione”. Il che potrebbe pure trovarmi d'accordo, se non altro per il semplice motivo che ogni epoca è per sua stessa natura transitoria, preludio e assieme anticipo di qualcos'altro. Il fatto però, è che la mia impressione è un'altra. E cioè che questa benedetta transizione sia già avvenuta, e che il panorama sonoro del 2016 è davvero qualcosa di altro e diverso rispetto a quello che conoscevamo solo cinque anni fa.
Non so bene come e quando è successo; di colpo, diciamo più o meno a metà dell'anno scorso, mi sono accorto che i dischi che a getto continuo stavano uscendo in ambito genericamente “elettronico”, facevano passare i loro omologhi di pochi anni prima per una roba inusitatamente vecchia. E dire che i passaggi me li ero seguiti più o meno tutti, a partire dal più iconico disco-scandalo di inizi anni '10: quel “Far Side Virtual” di James Ferraro che ancora nel 2011 “pareva una collezione di suonerie iPhone”.
Per non pochi ascoltatori, fu subito chiaro che quel disco (di cui si dice meglio oltre, polemiche incluse) rappresentava un potenziale punto di svolta per l'immaginario musicale del secondo decennio anni 2000. Ma per capire perché “Far Side Virtual” fu un disco tanto importante, bisogna effettivamente tornare a quello che erano le musiche indipendenti nello stesso periodo in cui Ferraro firmò il suo manifesto: senza troppi giri di parole, eravamo in piena Retromania (il libro di Simon Reynolds era uscito appena pochi mesi prima), con le playlist che abbondavano di titoli – spesso anche bellissimi – dalla calda pasta nostalgico-analogica, tutti intenti a disegnare i contorni di un futuro che poteva essere e che invece mai fu, e lo sguardo pervicacemente puntato all'indietro, in direzione di ere andate e passate per sempre: il misto di welfare state e fantascienza educational della hauntology, le memorie televisive anni '80 di hypnagogic pop e chillwave, finanche i ricordi sbiaditi della rave culture anni '90 del dubstep, erano tutti segnali di una difficoltà non dico a immaginare un futuro, ma proprio a raccontare il presente. […]

…segue per 18 pagine nel numero 221 di Blow Up, in edicola a Ottobre 2016 al costo di 6 euro

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#221) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.

Tag: 20 ESSENTIALS: Elettronica Hi-Fi 2011-2016
© 2018 Blow Up magazine all right reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000