20 ESSENTIALS: Slowcore 1988-2000
20 ESSENTIALS: Slowcore 1988-2000
di Alessio Budetta con Stefano I. Bianchi e Fabio Polvani

[nella foto: Codeine 1990]

Da un battito all’altro, da un “tum” a un “pam”, a quanto ammonta l’attesa prima che un accento isolato possa tenere in vita l’aspettativa di un altro impulso, di un altro evento acustico capace di interromperne l’attesa stessa? più semplicemente, a che velocità il ritmo inizia ad essere percepito come tale? di sicuro è a certe ridottissime frequenze che il ritmo pare trasfigurarsi in qualcosa d’altro, prendendo le sembianze di un antidoto contro il nulla. Per esempio, il battito del cuore: immaginatelo e rallentatelo come se dopo l’ultima pulsazione non dovesse essercene un’altra. E invece, quando meno te l’aspetti, “pum”. Che cosa rappresenta questo battito ormai insperato, sorpresa? ritmo? vita?
Non servono metronomi né orologi. Il rallentamento oltranzista è un fatto non solo intimo, ma sovversivo. Un manifesto per ogni disadattato in un mondo che accelera fino alla nausea, in una realtà incapace di moderare la propria velocità ma proprio per questo ineluttabilmente statica, caoticamente immobile. La mente fa strani scherzi e corre al buon Celentano, alla prima puntata di Rockpolitik del 2006 - sembra un secolo fa’ - quando il nostro ci spiegava secondo una logica un “pochino” sua che cosa è rock e che cosa è lento. Beh, con le musiche qui trattate si sarebbe trovato in difficoltà: che dire di un genere che si finge lentissimo per risultare ancora più smaccatamente e spudoratamente rock? lo Slowcore, prima ancora che rock o lento, è stato infatti rivoluzionario. […]

…segue per 18 pagine nel numero 241 di Blow Up, in edicola a giugno 2018 al costo di 6 euro

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#241) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.

Tag: 20 ESSENTIALS: Slowcore 1988-2000
© 2018 Blow Up magazine all right reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000