Ain Soph
Ain Soph
di Paolo Bertoni

La prima cassetta, con i personali tipi Misty Circles, esce nell’84 e sarà ristampata, in vinile, nel ’93, in collaborazione con Purity, ed in CD, con Old Europa Cafe, nel 2000. La parte interna della copertina di “I”, dispiegata, si svela dichiarazione d’intenti, con Foraenovis e Atrocity Histerics (THX) che, oltre ad informarci che Ain Soph, nella cabala ebraica, è ‘una delle tre forme del nulla, del non essere, del privo di forma, l’indifferenziato originario’, precisano che uno degli scopi, certamente non accessorio, dei contenuti del nastro è ‘rendere chiaro ed accessibile, per quanto ci è concesso, il significato del termine ‘magia’ illustrando alcune operazioni associate a questo termine’. La citazione di Crowley estratta da ‘Magick’, ‘la magia è la scienza e l’arte di causare cambiamenti in conformità con la volontà’, non indugia nell’esplicitare la luce che ha avviato il cimento, con il testo del Magus, nello specifico la lettura del ‘rituale del silenzio e della segretezza e dei nomi barbari dell’evocazione’ che, unitamente allo studio di ‘Magia della cabala’ di S. L. MacGregor, ha ispirato 1 parte, un tetro blocco dronico intorno al quarto d’ora che induce alla trance, in uno scenario che progressivamente si arricchisce di rare percussioni, barriti o invocazioni, movimenti tellurici, un organo stanziante su una nota. Sul retro del tape si ritorna su ‘Magick’, con la prima tranche di 2 parte che è un’interpretazione del mantra del ‘ciclo della creazione’, con la dimensione rituale che si manifesta ancor più marcata, tra sussurri e versi gutturali, con finale stridente e lacerante. La seconda è invece ispirata a Paul Huson, l’autore de ‘Il dominio della magia nera’, con parti vocali che rimandano a Current 93, mentre la terza, sommessamente percussiva, descrive i vari compiti del cosiddetto ‘adepto esente’ come da ‘Liber Cheth’ di Crowley. Ain Soph ammettono che ‘i pezzi possono risultare scarni dal punto di vista musicale, ma sono stati realizzati nell’intento di sviluppare l’immaginazione dell’ascoltatore affinchè egli scopra il proprio metodo magico’. […]

…segue per 6 pagine nel numero 241 di Blow Up, in edicola a giugno 2018 al costo di 6 euro

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#241) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.

Tag: Ain Soph
© 2018 Blow Up magazine all right reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000