Eels
Eels
di Daniele Rosa

“La teoria quantistica ci fornisce un esempio lampante del fatto che siamo in grado di comprendere appieno una connessione anche se si può parlare di essa solo attraverso immagini e parabole”
Werner Karl Heisenberg 

Una particella atomica può muoversi nel tempo e nello spazio in una molteplicità di direzioni al tempo stesso, come fosse un’onda che si espandesse secondo un movimento sferico, e percorresse simultaneamente tutte le traiettorie possibili. Questa fondamentale regola della meccanica quantistica è apparentemente contraddetta dal problema detto “della misura”: quando interagiamo con una particella – quando cioè la misuriamo –, essa si trova sempre in un punto determinato, e non in molti. Il più radicale tentativo di soluzione di questo problema, la cui evidenza ha dato luogo a uno dei più profondi e complessi dibattiti della storia della scienza, venne portato avanti nel 1957 con una tesi di dottorato difesa a Princeton, nella quale si argomentava, su base matematica, che ogni volta che uno scienziato misura una particella si suddivide in una molteplicità di copie di se stesso, ognuna residente in un differente universo. La tesi della “interpretazione a molti mondi” venne accolta freddamente e via via screditata, soprattutto dopo che, due anni più tardi, il suo giovane autore, Hugh Everett III, fu ricevuto con scetticismo da Niels Bohr, e giudicato “uno stupido” dagli assistenti del fisico danese, premio Nobel nel 1922. Everett, abbandonata la comunità accademica in cui aveva ormai un ruolo meno che marginale, si dedicò a un’attività di consulenza strategica e militare al Pentagono che gli dette la ricchezza, ma non lo guarì da una cupa depressione che lo avrebbe condotto alla distruzione di sé e della sua famiglia. Un improvviso attacco cardiaco lo uccise nel 1982, a soli 51 anni. A trovarlo fu suo figlio minore, Mark Oliver, che all’epoca aveva 19 anni e una sorella maggiore, Elizabeth (nessuna delle due cose è più vera, almeno in questo universo), e che dieci anni dopo, con un contratto major e un paio di hit minori, avrebbe avviato la carriera che lo avrebbe reso la più improbabile e duratura pop star della sua generazione. Questa è la sua storia. […]

…segue per 8 pagine nel numero 239 di Blow Up, in edicola ad aprile 2018 al costo di 6 euro

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#239) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.


Tag: Eels
© 2018 Blow Up magazine all right reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000