Kate Bush
Kate Bush
di Giovanni Vacca

Quest’anno Kate Bush compie sessant’anni e festeggia anche il quarantesimo anniversario del suo debutto: inglese di famiglia cattolica, cantante, pianista, autrice di testi e musiche, danzatrice e mimo, a vent’anni aveva già registrato due album utilizzando le canzoni scritte nella sua adolescenza. Il suo primo singolo, Wuthering Heights, ispirato da una serie televisiva trasmessa dalla BBC tratta dal noto romanzo di Emily Brontë fu, nel 1978, un successo strepitoso. “Da dove viene? Non riesco ad immaginare, musicalmente, chi siano i suoi genitori”: queste parole di Tricky, illustrano bene lo sconcerto che la giovane artista generò alla sua apparizione nell’ambiente artistico britannico. Un pezzo come Wuthering Heights, dal suo primo album The Kick Inside, era infatti decisamente insolito nel panorama dell’epoca, diviso tra i ruggiti del post punk e il consueto, melenso pop mainstream: una lunga, melodica, frase introduttiva che si dipanava per quasi un minuto senza ripetizioni fino ad inarcarsi nel celebre refrain (“Heathcliff, it’s me I’m Cathy/I’ve come home, I’m so cold/Let me in through your window”), cantata da una voce particolarissima, con un’estensione enorme ma con un timbro che poteva anche non piacere, e accompagnata da un video superbo. Wuthering Heights rimbalzò in mezzo mondo, facendo della bellissima ventenne una star. In realtà, qualcuna che un po’ le somigliava c’era, benché oggi praticamente dimenticata: si tratta di Noosha Fox, la cantante dei Fox (gruppo inglese dei primi anni ’70 che causò qualche problema alla BBC per alcune canzoni alquanto ‘spinte’, come Georgina Bailey) che la stessa Bush riconobbe più tardi essere tra i suoi riferimenti. Certo, Noosha non aveva la complessità e la caratura artistica che lei avrebbe poi avuto, e questo esclude con certezza il sospetto di un precedente imbarazzante, ma aveva un suo fascino e un suo valore, riportando il caso a quello di una poco più che significativa influenza giovanile. […]

…segue per 8 pagine nel numero 242 / 243 di Blow Up, in edicola a luglio e agosto 2018 al costo di 9 euro: numero doppio estivo!

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#242-243) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.

Tag: Kate Bush
© 2018 Blow Up magazine all right reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000