Nino Ferrer
Nino Ferrer
di Alberto Pezzotta

0.
A Nizza nell’estate 1991 compro la rivista «Les Inrockuptibles» (il numero 30) perché c’è un’intervista a Samuel Fuller. Il secondo nome in copertina, dopo Leonard Cohen, è Nino Ferrer. C’è un’intervista lunghissima, ma il nome non mi dice assolutamente niente. In tenera età non l’avevo intercettato su Rai Uno con Raffaella Carrà in Io, Agata e tu…? Col senno di poi mi pare impossibile. La lunga intervista di JD Beauvallet e Stéphane Arno mi torna utile quando un bel giorno del 2012 vedo su RAI 3 Elio e le storie tese che rifanno Viva la campagna (che diventa Viva la Carfagna) e ho un’illuminazione: ma certo, Nino Ferrer! Solo un genio può avere scritto una canzone così. Qualche tempo dopo compro il cofanetto L’Intégrale des enregistrements studio et live en 14 CD della Barclay, a prezzo ragionevolissimo (anche se integrale non è, mancano tutte le musiche da film, le collaborazioni e buona parte delle canzoni in italiano), e inizio sistematicamente la riscoperta. Scoprendo di non essere l’unico. Meno male. Visto che il 13 agosto di vent’anni fa Agostino Arturo Maria Ferrari, in arte Nino Ferrer, si è tolto la vita in un campo dell’Occitania, due giorni prima di compiere sessantaquattro anni, decido di scrivere un pezzo. Dove però non voglio ripetere quello che trovate in rete o su qualche libro (in francese). Quindi, mi sbrigo sui dettagli biografici: padre ingegnere genovese, Pierre Ferrari; madre francese, cresciuta in Nuova Caledonia; genitori amatissimi; laurea alla Sorbona in antropologia; vocazione musicale; successo internazionale ma soprattutto franco-italiano; Rolls Royce e Maserati; Brigitte Bardot, moglie (Kinou) e due figli; ritiro a Montcuq, una tenuta in campagna in Occitania; isolamento crescente dall’industria discografica; pittura; colpo di fucile nel cuore qualche giorno dopo la morte della madre. Iniziamo ad ascoltare. […]

…segue per 12 pagine nel numero 246 di Blow Up, in edicola a novembre 2018: da ottobre 148 pagine!

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#246) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.


Tag: Nino Ferrer
© 2018 Blow Up magazine all right reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000