ABBA
ABBA
di Luca Majer

«La libertà democratica ha bisogno di solidarietà tra la gente. Per vivere e sopravvivere una società deve avere una solidarietà diffusa, la capacità di riconoscere la condizione delle altre persone, un sentimento di responsabilità congiunta e partecipazione. Altrimenti, prima o poi, la società si disfa in tante parti di egoistici e meschini interessi. Non c’è mai un “noi” e “loro”. Ci siamo solo “noi tutti”.» Olof Palme al Kenyon College, 1970

«I don’t get that. Do we look like transvestites or something?» Benny Andersson, sulla moda “Gay-ABBA”

Quattro svedesi un attimino pacchiani nei campi elisi del pop. Del pop? che dico! Dell’industria svedese, quant’è vero che ci fu quando esportavano più della Volvo. Anzi riffo: ABBA stelle dell’entertainment mondiale, dati alla mano: 400 milioni di dischi venduti che li mettono lassù, vicino ai 600 milioni dei Beatles e davanti ai 350 milioni di Michael Jackson. Durati solo una dozzina d’anni (dal primo concerto dei quattro insieme, nel marzo 1970) fino all’83, quando decisero di mettersi in “pausa.” E “in pausa” pubblicarono il Greatest Hits “ABBA Gold” (‘92) il cui “gaio pop bianco” nella primavera ‘18 si trova ancora tra gli album più venduti. In Sri Lanka (#4), a Cipro (#12), in Ungheria (#16), in Bulgaria (#17), in Perù (#19), pure in Kenya e in Libano (#20). E “in pausa” han fatto uscire un film (Mamma Mia!) che - dal lancio, nel 2008 - ha incassato oltre 760M$ tra cinema e DVD (i principali acquirenti? GB, Germania, Sud Corea, Giappone e Svezia). Per non dire dell’omonimo spettacolo teatrale: a Broadway, NY, è durato 14 anni; e al Novello Theater di Londra continua imperterrito ogni sera, nonostante la “prima” sia stata nel ‘99 - e pure altrove è stato un successone: 54 milioni di spettatori; 49 produzioni; oltre 400 città; traduzioni in 15 lingue; e un tenero fatturato d’oltre due miliardi di dollari! Perché? […]

…segue per 14 pagine nel numero 242 / 243 di Blow Up, in edicola a luglio e agosto 2018 al costo di 9 euro: numero doppio estivo!

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#242-243) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.

Tag: ABBA
© 2018 Blow Up magazine all right reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000