Leonard Cohen
Leonard Cohen
di Luca Majer & Fabio Donalisio

[nell'immagine: Leonard Cohen 1963, foto di Allan R. Leishman]

1. Cristo. O Hiroshima.
In perenne licenza poetica, le tre re-incarnazioni di Leonard Cohen / di Luca Majer

Così, di colpo sono stato preso seriamente come un poeta, quando in realtà ero una sorta di stallone.
(LC, citato da MailOnLine, 12 novembre 2016)

Dammi crack e sesso anale / Prendi l’ultimo albero che resta
E ficcatelo su per il buco / Nella tua cultura

(The Future, 1992)

Come carpire l’essenza Leonard Cohen? O restare immoti davanti al suo fascinoso sguardo profondo? E non avvertire l’alterazione dello stato coscienza che creava quel tono di voce teso liricamente a sgranare i modi coi quali ‘il lato oscuro della nostra lunanera’ s’accoppia all’amore, alla vita.
Che per Leonard la reverenza sia d’obbligo basterebbe scorrere i ‘coccodrilli’ usciti nei giorni del lutto: “un saggio venerabile” “maestro dei significati” (NY Times), “il più fico zio ebreo che ho mai avuto” e “il più letterato e sensibile bardo del rock’n’roll degli ultimi 50 anni” (Don Was su Newsweek), “Cohen salverà il mio orgoglio nazionale” (Montreal Gazette), “uno degli artisti più influenti del nostro tempo” (La Repubblica), “leggendario”, “il più grande forgia-parole della canzone contemporanea” (Canadian Press).
Oppure - in anticipo sui tempi - “il monumento Cohen” (Radio Canada). O addirittura un affascinantissimo “poeta minore”, come lui volle definirsi?

L’effetto del primo (27 dicembre 1967) e successivi due LP CBS di Leonard Cohen fu di svegliare angeli (o demoni) che nessuna musica aveva ancora messo bene a fuoco, sino ad allora. Da un lato donne ed esperienze mai del tutto felici ma irresistibili, un femmineo che balzava fuori dai solchi (Marianne, Suzanne, Nancy...) e dalle immagini di capelli biondo cenere, sinuosi corpi, sorrisi abbronzati. Canzoni e foto di questa Prima Incarnazione svelavano un Impero dei Sensi antico (la Grecia) filtrato dagli occhi di un quebecois anglofono, osservante ebreo Ashkenazim, sensibilità sopraffina. Dall’altro, non erano solo dischi: erano la certezza che in una piccola isola dell’Egeo, senza elettricità o acqua corrente e con due soldi, si potesse amare la vita e le belle donne... vivendo di parole e musica. La sensazione netta era che quella vita fosse un paradiso, ma non per tutti - per altri ci poteva essere il vuoto (la vera Nancy della canzone si chiude nella toilette col fucile del fratello e buuuum! no?) […]

…segue per 12 pagine nel numero 224 di Blow Up, in edicola a Gennaio 2017 al costo di 6 euro

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#224) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.

Tag: Leonard Cohen
© 2017 Blow Up magazine all right reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000