20 ESSENTIALS: Hip-Hop Italia 1990-1999
20 ESSENTIALS: Hip-Hop Italia 1990-1999
di Andrea Amadasi con Bizarre e Christian Zingales

[nell'immagine: Isola Posse All Stars]

Se c’è qualcosa di inconfutabile nella storia ormai ultratrentennale dell’hip hop italiano, sta nel fatto di essersi sviluppato fin da subito in maniera del tutto trasversale ed eterogenea in termini di addetti ai lavori, pubblico coinvolto e successo commerciale, a differenza di ciò che era avvenuto invece oltreoceano, dove di cultura hip hop si inizia a parlare nei primi anni Settanta nelle comunità afroamericane del Bronx e in quell’ambito rimane ghettizzata per diversi anni a seguire, prima di essere assimilata e poi divulgata senza distinzione di razza, colore della pelle o quant’altro. Da quel contesto il percorso di “globalizzazione” è stato lungo e tortuoso ma non è scopo / ambizione di questa introduzione approfondire in quella direzione, quanto piuttosto, e sintetizzando il giusto, riassumere come sono andate le cose in Italia a partire dalla prima di tre situazioni che potremmo definire simbolicamente determinanti per l’hip hop di casa nostra, dalla nascita fino all’età adulta.
Parliamo della tappa milanese nel tour mondiale della Zulu Nation di Afrika Bambaataa, nel 1982, un evento che segnò profondamente alcuni dei futuri protagonisti, che trovarono nella figura dell’MC newyorkese quella sorta di padre putativo cui fare riferimento nell’approccio ad un modo tutto nuovo di fare musica (da questa parte dell’impero, almeno). E se Afrika Bambaataa è stato colui che ha innescato la scintilla, la progressiva diffusione di calibri come Run D.M.C., Public Enemy, Beastie Boys attraverso VideoMusic, qualche selezionato programma radiofonico e, non ultime, le sempre attente riviste musicali dell’epoca – perché va ricordato ai lettori più giovani, anche oltre lo sfinimento dello scatolame pubico, che il lusso del “tutto & subito” di Internet è una realtà ancora piuttosto recente, mentre all’epoca potevano volerci diverse settimane per avere un disco d’importazione... – ha gettato benzina sino a farla diventare un fuoco impetuoso, anche se c’è voluto ancora un po’ di tempo. […]

…segue per 18 pagine nel numero 263 di Blow Up, in edicola ad aprile 2020

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#263) al costo di 10 euro (spese postali incluse) e vi verrà spedito immediatamente come piego di libri.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: non perderete neanche uno dei numeri pubblicati perché in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale vi faremo una seconda spedizione e riceverete a casa i quattro libri della collana trimestrale Director’s Cut il mese stesso della loro uscita per un risparmio complessivo di 60 euro!

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.


Tag: 20 ESSENTIALS: Hip-Hop Italia 1990-1999
© 2020 Blow Up magazine all right reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000