Arab Strap
Arab Strap
di Pierluigi Lucadei

Malcolm Middleton una volta ha detto che gli Arab Strap facevano musica pop per un pubblico che odia la musica pop. Una definizione ad effetto ma poco corrispondente a ciò che gli Arab Strap sono stati per una decade, ovvero, al netto di alcune melodie orecchiabili e di un paio di ritornelli cantabili, una band lontana anni luce da ciò che può definirsi mainstream. Turbolenti e depressi, Aidan Moffat e Malcolm Middleton hanno iniziato a fare musica insieme nel 1995, in un momento storico in cui, esplosa la bolla britpop, parte del pubblico desiderava qualcosa di più profondo, di più organico, e a Glasgow molti artisti avevano preso a suonare nella direzione di un sentire sconosciuto al music business dell’epoca.
Glasgow era quel tipo di città operaia in cui la vita ruotava attorno al pub e allo stadio (una delle più accese rivalità calcistiche d’Oltremanica è proprio quella che chiamano Old Firm, il derby più antico del mondo, tra i protestanti Rangers e i cattolici del Celtic). In contesti del genere capita non di rado che la musica riesca ad essere la valvola di sfogo ideale e l’opportunità per salvarsi da un destino infame. E così a metà anni novanta si respirava un’aria elettrizzante. In un periodo ancora caratterizzato da scene cittadine (quelle di Bristol, Manchester e, soprattutto, Seattle erano di pochi anni prima), a Glasgow stava succedendo qualcosa di straordinario. Ragazzi nati e cresciuti a pochi chilometri di distanza l’uno dall’altro stavano facendo musica meravigliosa e iniziavano ad avere buoni riscontri, anche grazie all’attività di alcune intraprendenti label (la Chemikal Underground su tutte) e all’interessamento dei nomi che contano (John Peel, Steve Lamacq). Delgados, Mogwai, Belle And Sebastian, Arab Strap facevano parlare di sé con una proposta musicale capace, nel migliore dei casi, di anticipare i tempi e, nel peggiore, di percorrerli con piena consapevolezza del proprio disegno artistico. […]

…segue per 10 pagine nel numero 274 di Blow Up, in edicola a marzo 2021

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#274) al costo di 10 euro (spese postali incluse) e vi verrà spedito immediatamente come piego di libri.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: non perderete neanche uno dei numeri pubblicati perché in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale vi faremo una seconda spedizione e riceverete a casa i quattro libri della collana trimestrale Director’s Cut il mese stesso della loro uscita per un risparmio complessivo di 60 euro!

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.


Tag: Arab Strap
©2021 Blow Up magazine all rights reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000