Asa-Chang
Asa-Chang
di Federico Savini

Si potrebbe azzardare che la storia della musica nipponica degli ultimi 40 anni sia una storia di produttori. È una visione parziale, sia chiaro, dato che molte pop-star del Sol Levante (quelle che non conosciamo) hanno profili relativamente simili alle pop-star nostrane, ma se la guardiamo da Occidente – e, in effetti, la guardiamo da Occidente -, la musica giapponese che ha varcato i confini in questi decenni lo ha quasi sempre fatto in virtù dell'abilità di produttori illuminati. Figure eclettiche e geniali, polistrumentisti e compositori che hanno plasmato a piacimento i suoni giunti dall’altra parte del mondo, depotenziandone ogni velleità colonialista per poi frullarli con una sensibilità aliena e una serissima indole giocosa, che ai rigori della filologia ha preferito l’avventura verso l’ignoto. E così, le musiche che ci hanno risputato in faccia sono talmente spregiudicate e spiazzanti che in più occasioni l’arte del Sol Levante è riuscita ad accecare l'Occidente, facendo crollare ogni nostro riferimento. Da Sakamoto a Cornelius fino a Otomo Yoshihide, abbiamo a che fare non solo con degli alchimisti, ma con dei veri filosofi del suono; gente che riesce a decontestualizzare gli stili musicali e le pratiche folkloriche senza ridurli a cartolina (fu proprio rispondendo all’exotica che la Yellow Magic Orchestra partì alla conquista dell’Occidente, sarà un caso?), in un equilibrio che preserva le priorità creative dell’artista ma non denigra l’universo iconografico degli stili e degli strumenti presi a prestito, perché è uno stupore genuino a guidare ogni scelta. […]

…segue per 8 pagine nel numero 218-219 di Blow Up, in edicola a Luglio e Agosto 2016 al costo di 8 euro: speciale estivo di 180 pagine!

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#218-219) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.

Tag: Asa-Chang
©2020 Blow Up magazine all rights reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000