Cinema di supereroi
Cinema di supereroi
di Antonio Josť Navarro

[immagine da Batman v. Superman]

I fumetti di supereroi sono una forma d’arte popolare genuinamente americana, al pari del jazz e del blues, dei romanzi noir e dei film musicali, o, in maniera certo differente, dei Dunkin’ Donuts e del Jack Daniel’s. Ma i supereroi statunitensi, a dispetto dei loro legami culturali con la mitologia europea precristiana e pretecnologica, sono il prodotto di una società postcristiana, capitalista e ipertecnologica, che ha bisogno di storie che sviluppino in maniera vivida i problemi con cui si confrontano oggi gli esseri umani nel mondo reale. Non c’è dubbio che, come sottolineato da alcuni studiosi, Superman sia il successore naturale di archetipi come Zeus, che Wonder Woman sia l’equivalente di Era, che Batman e Iron Man siano facsimili high tech di Efesto, che Hulk sia una replica imbronciata di Ercole, e che Capitan America sia la versione eterosessuale e, soprattutto, plebea (è sempre stato un ragazzo del Lower East Side), dell’aristocratico e gay Achille… E tuttavia, questi titani moderni si confrontano con gli stessi dubbi e pericoli che assalgono noi, cittadini del 21° secolo, nella nostra immediata quotidianità.
Grazie a pensatori come Umberto Eco o Roberta E. Pearson, abbiamo cessato da molto tempo di considerare i fumetti di supereroi una specie di sottocultura incentrata su pallide imitazioni della Primula Rossa o di Rocambole, con indosso calzamaglie colorate e con un senso molto vittoriano della legge e dell’ordine. Dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001 il fumetto di supereroi ha patito una notevole crisi di credibilità come artefatto metaforico, superato dalla presenza pubblica delle sue controfigure reali: vigili del fuoco, poliziotti, squadre mediche… e settimane dopo il crollo del World Trade Center, la popolarità crescente di George W. Bush grazie ai suoi discorsi bellicosi, in linea con i più rancidi fumetti di supereroi anni’ 40 — “libereremo il mondo dal male”, proclamava davanti alle rovine di Ground Zero — ne ha fatto per la maggioranza dei nordamericani un titano “che in qualsiasi momento si potrebbe aprire la camicia per rivelare una grossa ‘S’ sul petto”, come scriveva ironicamente la giornalista Peggy Noonan. […]

…segue per 4 pagine nel numero 222 di Blow Up, in edicola a Novembre 2016 al costo di 6 euro

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#222) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.

Tag: Cinema di supereroi
©2020 Blow Up magazine all rights reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000