Dinamitri Open Combo
Dinamitri Open Combo
di Piercarlo Poggio

“La prima volta che mi è balenata in testa l’idea di proporre un’unione fra il mio Open Combo e il Dinamitri Jazz Folklore la ricordo bene. Ero al concerto della Sun Ra Arkestra diretta da Marshall Allen tenutosi a Pisa Jazz nel marzo 2018 e in apertura si esibiva proprio il Dinamitri di Grechi Espinoza. Uscii dal concerto entusiasta e decisa a proporre agli interessati un’eventuale fusione dei due gruppi. Anche sfruttando la parziale coincidenza di organico, dato che alcuni membri dell’Open Combo fanno parte del Dinamitri – la ritmica per la precisione, Simone Padovani (percussioni) e Andrea Melani (batteria) –, oltre al fatto che Beppe Scardino (sax baritono) e lo stesso Dimitri Grechi Espinoza si sono episodicamente uniti a me. Io stessa poi sono stata coinvolta nel Dinamitri in qualche loro concerto. Senza contare le innumerevoli altre volte in cui ci siamo mescolati per i più svariati progetti, gravitando tutti all’incirca nello stesso circuito musicale”. A parlare è Silvia Bolognesi, contrabbassista e insegnante dal curriculum illustre, in patria e non solo (l’orchestra di Lawrence “Butch” Morris, il Roscoe Mitchell Sextet, l’Art Ensemble of Chicago 50th Anniversary), e un futuro ancora in gran parte da scrivere.
Unire le forze per andare alla ricerca di espressioni jazzistiche non convenzionali sotto l’egida di una tematica forte è stata un’idea per nulla peregrina e l’esito finale lo si trova documentato in “Mappe per l’Eden”, pubblicato dalla Felmay e recensito in questo numero. Il violinista Emanuele Parrini, eletto a portavoce dell’ensemble, ci racconta che “tecnicamente tutto si è svolto nei giorni 3 e 4 gennaio 2019, prove e registrazioni. Quello che in alcune occasioni tra noi si era solo ipotizzato, Francesco Mariotti, attraverso la struttura di Pisa Jazz, lo rendeva concreto. Così ci siamo interrogati su quali potessero essere gli argomenti e i parametri comuni per le composizioni, trovando risposta nell’origine della musica e nelle sue funzioni nella società. Il successivo concerto del 5 maggio ha avuto un esito assai positivo e abbiamo così accumulato molto materiale registrato, in generale di ottima qualità. Scegliere le tracce da pubblicare su disco non è stato però difficile e il master prodotto rappresenta al meglio il nostro pensiero e il messaggio che volevamo trasmettere”. […]

…segue per 4 pagine nel numero 275 di Blow Up, in edicola ad aprile 2021

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#275) al costo di 10 euro (spese postali incluse) e vi verrà spedito immediatamente come piego di libri.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: non perderete neanche uno dei numeri pubblicati perché in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale vi faremo una seconda spedizione e riceverete a casa i quattro libri della collana trimestrale Director’s Cut il mese stesso della loro uscita per un risparmio complessivo di 60 euro!

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.


Tag: Dinamitri Open Combo
©2021 Blow Up magazine all rights reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000