Ewan MacColl
Ewan MacColl
di Giovanni Vacca

IL COSIDDETTO ‘folk inglese’ (ancor più impropriamente chiamato anche folk ‘celtico’ o ‘anglo-celtico’), vale a dire la musica popolare delle isole britanniche, ha avuto un’enorme influenza su tutto ciò che è stato fatto negli ultimi cinquant’anni in Europa e negli Stati Uniti. Ne hanno risentito ovviamente i vari revival nazionali, la canzone d’autore americana (Dylan, innanzitutto), gruppi come Led Zeppelin, che in quelle melodie hanno trovato l’ispirazione per le giuste pause nel loro hard rock e l’idea stessa di canzone narrativa, di ‘ballata’, che, sebbene non esclusiva di quelle aree, si associa per lo più a quel mondo musicale, a quella tradizione. Quanto però si assimila a questo genere (un certo repertorio di canzoni, un certo numero di interpreti di successo, un certo modo di eseguire quel repertorio, con voci eteree e profluvio di chitarre acustiche, tamburi a cornice e arpe) ha una lunga storia, che affonda le sue radici nell’immediato dopoguerra in Gran Bretagna. Una storia che, a un certo momento, ha cambiato strada, dismettendo in gran parte l’impostazione delle origini per imboccare la direzione che è tuttora con essa identificata. È opportuno allora, nell’anno in cui si commemora il venticinquennale della morte di Ewan MacColl, pioniere e grande protagonista del primo folk revival inglese, scomparso il 22 ottobre del 1989, ripensare a quelle radici, mostrarne natura e consistenza e ragionare su come e perché esse furono divelte per essere talvolta integrate, ma per lo più sostituite, da altri suoni, altre logiche musicali, altri obiettivi artistici. […]

…segue per 6 pagine nel numero 199 di Blow Up, in edicola a Dicembre 2014 al costo di 8 euro: numero speciale di 196 pagine!

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#199) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.
Tag: Ewan MacColl
© 2020 Blow Up magazine all right reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000