Fine della letteratura
Fine della letteratura
di Maurizio Bianchini e Fabio Donalisio

1
Da quando (e senza sapere per quanto ancora) ci svegliamo ogni mattina nello stesso film, Ricomincio da capo (Harold Ramis, 1993), costretti a ripetere i medesimi gesti, guardare gli stessi programmi in tv e ascoltare le stesse notizie – cambia solo il numero dei morti; da quando (e senza avere idea di fino a quando) ci avventuriamo in strade vuote come le highway della Los Angeles spettrale di 1975: Occhi bianchi sul pianeta Terra (Boris Sagal, 1971) cercando di sfuggire alle trappole d’un nemico invisibile; da quando viviamo in casa, chiusi a chiave da fuori come i perdigiorno del GF Vip, parlare di letteratura appare fuori luogo, velleitario e decisamente superfluo. Eppure, proprio questo, la sua suprema estraneità alla contingenza, rende indispensabile la letteratura, nel modo in cui l’intendeva Oscar Wilde: come un lusso. Ma sì, toglieteci il necessario: l’informazione entropica, i siparietti degli ‘esperti’, le diatribe della politica, il pianto dei coccodrilli e il riso delle iene e lasciateci in cambio il superfluo: la letteratura, il bene rifugio che da tempo immemorabile ci aiuta a vedere oltre la portata dello sguardo. Come la brigata del Decamerone, che si racconta storie aspettando che passi la Peste nera, ho passato anch’io il tempo della solitudine profilattica confortato dalle storie. Non quelle del Decamerone, impresa che si compie una volta sola nella vita, ma le dodici selezionate per la tornata finale del Premio Strega 2020 da cui verrà selezionata la cinquina da cui uscirà il vincitore (l’elezione del papa è una formalità, in confronto). E proprio le considerazioni stimolate dalla loro compulsazione, sono il seme di questo articolo. […]

…segue per 10 pagine nel numero 264 di Blow Up, in edicola a maggio 2020

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#264) al costo di 10 euro (spese postali incluse) e vi verrà spedito immediatamente come piego di libri.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: non perderete neanche uno dei numeri pubblicati perché in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale vi faremo una seconda spedizione e riceverete a casa i quattro libri della collana trimestrale Director’s Cut il mese stesso della loro uscita per un risparmio complessivo di 60 euro!

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.

Tag: Fine della letteratura
©2020 Blow Up magazine all rights reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000