In questo eterno presente...
In questo eterno presente...
di Fabio Donalisio

Ovvero: scomodare ancora una volta la fedeltà alla linea per riscoprire (per l'ennesima, attoniti...) che la linea non c'è. Fa quasi tenerezza – se non ci fosse di mezzo il mercato, as usual – provare a seguire (una volta si sarebbe detto: appassionarsi) la pletora di uscite librarie che mensilmente provano ad attaccare gli assi portanti dell'indigeribilità del presente. Menti necessariamente novecentesche (e l'anagrafe qui purtroppo conta) che si spremono, si contorcono (e a tratti si adagiano) nell'interpretazione dell'incomprensibile oggi. Con un plausibile discrimine interno tra i costernati, e gli entusiasti. I primi, maggioritari, constatano, senza farsene una ragione, il crollo delle fondamenta portanti di un illuminismo che credevano infinito (con parecchie contraddizioni interne, il caso più attestato è quello del confuso immaginario egualitario che continuiamo a chiamare sinistra, abbondantemente estromesso dal gioco politico, almeno da quello rappresentativo; ma non mancano misantropi solitari); al secondo appartengono gli speranzosi di saltare su un carro vincente, qualunque esso sia. Si tratta, peraltro, di un naturale istinto di sopravvivenza, non del tutto esecrabile. E si costringono a osannare tecnologie che hanno imparato come una lingua due, si fanno profetici. Nei casi più emblematici attivano una sorta di filtro selettivo che impedisce loro di nominare le catastrofi, preferendo le magnifiche sorti. Postmoderni che in mancanza di meglio si sono fatti ottimisti per forza maggiore, o per convenienza (si vedano le discettazioni bianchiniane su The game apparse qui qualche mese fa). Dei “giovani”, ovvero di quelli che potrebbero forse parlare del loro presente con più cognizione di causa, poco sappiamo. Un po' per anagrafe, certo. Un po' per il solidissimo – quello sì – sbarramento all'ingresso dell'editoria per i non accreditati (non sempre settato sulla qualità); un po' forse, perché una mente non novecentesca preferisce altri canali, altri mezzi e altri messaggi che, ahinoi, fatichiamo a tenere sotto i radar. La nostra bussola di vetusti lettori di libri diventa, quindi, il modo in cui i circa quarantenni (la generazione di mezzo), interpreta i concetti chiave dello Zeitgeist. “Chiave” di porte che non sembrano aprirsi, semmai moltiplicarsi. E, per non saper né leggerle né scriverle, si limitano a fare paura. […]

…segue per 6 pagine nel numero 256 di Blow Up, in edicola a settembre 2019

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#256) al costo di 10 euro (spese postali incluse) e vi verrà spedito immediatamente come piego di libri.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: non perderete neanche uno dei numeri pubblicati perché in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale vi faremo una seconda spedizione e riceverete a casa i quattro libri della collana trimestrale Director’s Cut il mese stesso della loro uscita per un risparmio complessivo di 60 euro!

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.

Tag: In questo eterno presente...
© 2019 Blow Up magazine all right reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000