Insides
Insides
di Beppe Recchia

QUANDO agli inizi di settembre ha cominciato a circolare la notizia di un sicuro ritorno degli Insides e della pubblicazione di un album, il primo in venti anni, un manipolo di estimatori – magari non più di una ventina, incluso chi scrive – sparso ai diversi angoli del mondo, sarà andato comprensibilmente in iperventilazione. Le ragioni sono molteplici, alcune semplicemente legate all’effetto spiazzamento – laddove le preziose ristampe e le nuove masterizzazioni venute alla luce lo scorso anno sembravano più volgere lo sguardo al passato, che lasciare intravedere un possibile futuro – o al dato meramente affettivo di poter finalmente scrivere l’happy ending di una carriera musicale precocemente interrotta alla metà degli anni ’90 dalla petulante e retromaniaca macchina pubblicitaria del britpop, incapace, al di là dei singoli meriti artistici, di lasciare spazio a qualcosa che fosse “diverso”, e in primo luogo da sé.
Ma c’è una ragione ancora più importante e profonda: gli Insides hanno incarnato – insieme, tra gli altri, a Disco Inferno, Seefeel, Moonshake, Pram – una delle stagioni più brevi e luminose della musica britannica, quando la spinta all’astrattismo chitarristico da un lato e la maggiore accessibilità di campionatori e sequencer dall’altro indicavano la strada della decostruzione dei cliché del rock e suggerivano la codificazione di un nuovo linguaggio di sintesi, quasi di un nuovo pop. O come avrebbe detto Simon Reynolds, di un post-rock, espressione che, per quanto finita in seguito a rappresentare anche cose molto diverse, doveva intendersi come una categoria aperta, uno spazio delle possibilità. Le (poche) pagine che hanno scritto Kirsty Yates e Julian Tardo hanno pochi punti di contatto con quanto sia successo prima, o dopo, di loro; e il nuovo “Soft Bonds” [recensione sul numero scorso] prosegue caparbiamente su strade sinora troppo poco esplorate. […]

…segue per 6 pagine nel numero 271 di Blow Up, in edicola a dicembre 2020

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#271) al costo di 10 euro (spese postali incluse) e vi verrà spedito immediatamente come piego di libri.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: non perderete neanche uno dei numeri pubblicati perché in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale vi faremo una seconda spedizione e riceverete a casa i quattro libri della collana trimestrale Director’s Cut il mese stesso della loro uscita per un risparmio complessivo di 60 euro!

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.


Tag: Insides
©2021 Blow Up magazine all rights reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000