JAPAN POST ONGAKU
JAPAN POST ONGAKU
di Federico Savini

[nella foto: Kukan Gendai con la compagnia Kakuia Ohashi]

IN PRATICA siamo già alla seconda generazione e rischiavamo di perderci la prima. Lo scrivemmo già su BU#181, a proposito dei Kukan Gendai: se volete sapere quel che succede nel Giappone delle musiche underground di oggi, anche uno strumento potente come internet vi aiuta il giusto, a meno che non siate in grado di padroneggiare i caratteri kanji. Un problema linguistico quasi insormontabile, insomma, a cui si aggiunge il protezionismo del mercato musicale giapponese e la refrattarietà dei nipponici alla pratica del download. Ecco perché gli unici echi underground che giungono oggi dal Giappone sono legati alle solite 3-4 etichette occidentali che ancora importano, e di solito lo fanno puntando su quei pochi nomi e settori bene o male affermati (dai Boredoms ai Ghost, dall’ambient color pastello al pop elettronico più commestibile; da segnalare che Drag City ha finalmente scoperto la bravissima Eiko Ishibashi, di cui scrivemmo quasi tre anni fa, su BU#155).
È una situazione che diventa grottesca in casi limite come quello di Taku Unami. I pochi occidentali che lo conoscono, per i suoi lavori elettroacustici, lo credono un emulo estremista delle gesta silenti di Taku Sugimoto. Quasi nessuno sa che in realtà Unami ha una band “storica”, gli Hose, che fa una musica talmente melodica da risultare naif, mentre oggi collabora a formazioni che stanno a due passi dalla musica pop. L’etichetta degli Hose, la Headz/Unknownmix, non ha distribuzione occidentale ma pubblica da anni dischi originalissimi sul fronte del rock e del jazz più astrusamente innovativo. Oggi tocca al rock – vedi proprio i Kukan Gendai e i Goat (da non confondere con gli omonimi svedesi) -, ma si tratta solo dell’ultima evoluzione, la seconda generazione appunto, di una scena che qualche anno fa era decisamente più orientata a una revisione meccanica, concettuale e imprevedibile delle grammatiche del jazz. E che, non a caso, prendeva le mosse dall’onkyokei, l’involuzione più estrema fra tutte le anti-estetiche musicali. […]

…segue per 10 pagine nel numero 187 di Blow Up, in edicola a Dicembre 2013 al costo di 8 euro [NUMERO SPECIALE DI 196 PAGINE]

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#187) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.
 
Tag: JAPAN POST ONGAKU
©2020 Blow Up magazine all rights reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000