Jason Molina pt.2
Jason Molina pt.2
di Fabio Polvani

The farewell transition: da Songs: Ohia a Magnolia Electric Co.
Quando la lavorazione di “Didn’t It Rain” fu portata a termine, Jason Molina tornò da Philadelphia a Chicago e fece ascoltare i nastri alla band che normalmente lo accompagnava in tour. Ne facevano parte tutti ex studenti di Oberlin: Dan Sullivan alla chitarra, suo fratello Rob o in alternativa Dan MacAdam al basso, Jeff Panall alla batteria. Al tempo del college suonavano in un gruppo metal, i Thighmaster, di cui Molina era un fan. Due di essi (MacAdam e Rob Sullivan) suonavano anche bluegrass nei Rufus Crisp, insieme a Phil Manley dei Trans Am e a Jennie Benford, della cui voce Molina rimase subito ammaliato.
Gli amici musicisti furono ancora una volta spiazzati dall’ultimo album a firma Songs: Ohia: il fatto è che insieme a loro, Jason stava sperimentando un diverso set di canzoni, dal carattere più elettrico e rock. Un’idea di quello che bolliva in pentola si poteva percepire con “Mi sei apparso come un fantasma”, live italiano uscito nel 2001. La scaletta, eseguita nella location del Barchessone Vecchio, in provincia di Modena, presentava un pezzo dall’album d’esordio e due da “Lioness”, rivisti e riarrangiati. A essi si aggiungevano cinque inediti al momento non titolati, dai lunghi tempi narcolettici e caracollanti, in cui la batteria riempie gli spazi con fill dilatatissimi e in cui le chitarre rimuginano tessendo malinconiche trame armoniche. Le dinamiche sono quelle dello slow-core, con il passaggio dalle meditabonde calme alle impennate, se non proprio esplosive, comunque vigorose o intense (come il crescendo heartfelt della seconda traccia del disco, in seguito titolata Nobody Tries That Hard Anymore). Non siamo ancora alle cavalcate neilyounghiane ma i singoli strumenti musicali prendono sempre più voce in capitolo, facendo maturare un suono e un’esperienza più compiutamente ‘da band’. […]

…segue per 10 pagine nel numero 269 di Blow Up, in edicola a ottobre 2020

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#269) al costo di 10 euro (spese postali incluse) e vi verrà spedito immediatamente come piego di libri.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: non perderete neanche uno dei numeri pubblicati perché in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale vi faremo una seconda spedizione e riceverete a casa i quattro libri della collana trimestrale Director’s Cut il mese stesso della loro uscita per un risparmio complessivo di 60 euro!

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.

Tag: Jason Molina pt.2
©2020 Blow Up magazine all rights reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000