JOHN FAHEY
JOHN FAHEY
di Riccardo Bertoncelli

“MOLTI VEDONO ma pochi osservano”. Chi legge ancora Sherlock Holmes? Io lo facevo da ragazzo, e questo frammento di Uno scandalo in Boemia mi è tornato in mente dopo avere letto il più straordinario music book degli ultimi tempi, un tomo di oltre 400 pagine pubblicato in proprio da un medico italiano emigrato negli States, Claudio Guerrieri. Si chiama John Fahey Handbook: Volume 1 ed è quello che il titolo promette, un manualone per orientarsi nella giungla discografica e biografica di uno degli artisti più esoterici del Novecento americano. Non aspettatevi finezze letterarie o arabeschi di racconto, l'autore evita perfino la parola “libro”; ma la profondità della ricerca, la precisione dell'indagine, il gusto della minuzia sono tali da conquistare anche il più tiepido degli appassionati – ammesso che nell'universo di Fahey il tiepido esista, che sia possibile dosare l'esposizione a quei raggi di inaudita energia sonora.
Fahey è sempre stato avvolto dal mistero ma, qui entra in gioco Conan Doyle, più per scelta nostra che sua. Anche quando lasciava tracce, seminava indizi, si tradiva con personalissime confessioni, noi vedevamo e non osservavamo. Io poi, dico la verità, appartengo a una setta paradossale che chiamerò degli “adoratori della nebbia”; non avrei amato come ho amato Fred Neil, Simon Jeffes, Paul Buchanan, appunto John Fahey, se avessi avuto piena e completa delucidazione della loro vita e delle loro gesta, se una benefica foschia non ne avesse magicamente confuso il profilo. Non chiedete dunque a me di andare alla ricerca dei loro segreti, di illuminare anche solo un tratto di vita con la torcia - non lo farei mai, mi sembrerebbe di rubare qualcosa mettendo illuminazione e segnaletica là dove prima c'era una opportuna penombra, habitat ideale per il desiderio e per il mito (non il buio più nero, quello no, altrimenti anche la bellezza si infiacchisce). […]

…segue per 6 pagine nel numero 189 di Blow Up, in edicola a Febbraio 2014 al costo di 6 euro

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#189) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.
Tag: JOHN FAHEY
© 2020 Blow Up magazine all right reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000