John Lydon PIL
John Lydon PIL
di Christian Zingales

AVEVAMO TESTIMONIATO la transizione in una lunga intervista che poi ripercorreva tutto il suo excursus, uscita nel n. 169 in occasione di “This Is PIL”, l’album del ritorno della formazione che subito dopo i Sex Pistols ha segnato la sua vita artistica, e poi nel report del davvero intenso live bolognese del 2013 (n. 187), che lui non ha dimenticato (“una data straordinaria, l’audience ha avuto qualcosa da ricordare per sempre”). Ma ora troviamo a pieno un nuovo John Lydon, una persona che ha trasformato negativo in positivo e sembra essere più in pace con il mondo nel momento in cui continua a rappresentare la rabbia come forma di energia primaria. È sempre stato il suo scopo, fin dai ruggiti nichilistici fine ’70, ma ora eccolo uomo tra gli uomini, più che mai compassionevole, mettere a servizio la sua arte perché possa aiutare ad unire, a migliorare. Nella chiacchierata al solito di estrema gradevolezza a un certo punto si fissa sulle parole “heart and soul”, cuore e anima, e lo ripete, “heart and soul”, è il suo registro, e, sì, è un John Lydon senz’altro soulful quello che abbiamo l’onore di goderci in questi anni e ora attraverso il nuovo eccellente album “What The World Needs Now”.

Nel nuovo album mi sembra ci troviamo davanti a un John Lydon che ha messo definitivamente da parte il negativo per il positivo, più aperto e votato alla condivisione là dove in passato prevaleva l’opposizione…
Spero sia così. Faccio del mio meglio. Da sempre do il cento per cento quando faccio un album nuovo e per me il disco importante è sempre il prossimo, quello che ho ancora da fare, ma stavolta sono particolarmente a mio agio, penso sul serio sia uno dei lavori migliori dei PIL e che effettivamente rifletta questo mio stato attuale di apertura verso le cose. […]

…segue per 4 pagine nel numero 208 di Blow Up, un nuovo NUMERO SPECIALE di 180 pagine in edicola a Settembre 2015 al costo di 8 euro

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#208) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.

Tag: John Lydon PIL
©2020 Blow Up magazine all rights reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000