Lucio Dalla (con Roberto Roversi)
Lucio Dalla (con Roberto Roversi)
di Giovanni Vacca

«Autentico innovatore della linea melodica italiana»: così veniva definito Lucio Dalla in un opuscolo dei tardi anni ’70 quando la critica musicale rock italiana si muoveva ancora in una dimensione per lo più impressionistica, magari polemica e militante, ma non sempre con strumenti teorici adeguati. Ho a lungo cercato ma non sono riuscito a ritrovare quella pubblicazione e quindi non saprei dire chi ha scritto quelle parole. Trovo, però, che nella loro semplicità, esprimano davvero l’essenza del lavoro del ‘primo’ Lucio Dalla; o forse, meglio, del ‘secondo’ Lucio Dalla, delle almeno quattro fasi in cui si può suddividere la sua lunghissima carriera artistica: la fase degli esordi (1966-1971); la successiva, quando decide di collaborare con il poeta Roberto Roversi (1973-1976); la terza, in cui comincia a scrivere da sé i testi per le musiche che compone e inizia ad affermarsi pienamente (1977-1980); la quarta, quella del grande successo popolare e dell’inevitabile deriva commerciale (dal 1981 in poi). Parole indovinate, perché per “linea melodica italiana” possiamo intendere ‘cantabilità’, un aspetto della nostra canzone assolutamente centrale almeno fino agli anni ’60 del secolo scorso e che ha una notevole storia, radicata nella tradizione napoletana e, ancor prima, nella romanza da salotto. Per ‘cantabilità’ intendiamo, seguendo il Roland Barthes de L’ovvio e l’ottuso (Einaudi, 1985), quella tessitura vocale che è «lo spazio modesto dei suoni che ognuno di noi può produrre, e nei cui limiti può fantasmatizzare l’unità rassicurante del proprio corpo». «Perché – continua il celebre semiologo francese – cantare nel senso romantico, è questo: godere fantasmaticamente del mio corpo unificato». […]

…segue per 10 pagine nel numero 264 di Blow Up, in edicola a maggio 2020

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#264) al costo di 10 euro (spese postali incluse) e vi verrà spedito immediatamente come piego di libri.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: non perderete neanche uno dei numeri pubblicati perché in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale vi faremo una seconda spedizione e riceverete a casa i quattro libri della collana trimestrale Director’s Cut il mese stesso della loro uscita per un risparmio complessivo di 60 euro!

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.


Tag: Lucio Dalla (con Roberto Roversi)
© 2020 Blow Up magazine all right reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000