MARTYN BATES
MARTYN BATES
di Paolo Bertoni

NELL'ARTICOLO su Eyeless In Gaza nel BU#62/63, mi ripromettevo di estenderlo con una trattazione della non meno ricca discografia inanellata da Martyn Bates al di fuori della suddetta sigla. Due album solisti di pregiata fattura a distanza di un anno, “Unsung” (BU#176) e “Arriving Fire”, di cui s'è detto lo scorso mese, si sono proposti come perentorio invito a mantenere senza ulteriori indugi l'impegno.
Le prime tangibili tracce dell'arte del poeta di Nuneaton risalgono al '79, in due dei tre brani del singolo di debutto di Reluctant Stereotypes, che lascerà subito dopo, prima che la formazione della vicina Coventry viri su sponde ska. Nel suono caotico di The Lull non è tanta la distanza da certe nevrosi di “Photographs As Memories”, seppure si infilino intermezzi swinganti e free, più accomodante The Rounds, duello tra voce e clarinetto, con divagazioni che cercano di neutralizzare una discreta efficacia melodica: “Ero entrato, voce e organo, quando ancora si chiamavano ENS, una art rock band che faceva, bene, cose abbastanza vicine ad Henry Cow. Era il '78, quando abbiamo pubblicato il singolo, in parte decente, per la Oval di Charlie Gillet, il nome era diventato Reluctant Stereotypes. Subito dopo ho lasciato, hanno mantenuto quella sigla e si sono trasformati nella formazione tra ska e pop che forse, avendo firmato per la Warner, qualcuno conosce - un album e altri quattro singoli ndr - con alla voce Paul King. Eventualità major che non si era presentata finché ero con loro, dico sempre che forse ero proprio io che rovinavo il gruppo.” […]

…segue per 6 pagine nel numero 193 di Blow Up, in edicola a Giugno 2014 al costo di 6 euro

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#193) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.
 
Tag: MARTYN BATES
© 2019 Blow Up magazine all right reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000