Maurice Blanchot
Maurice Blanchot
di Stefano Lecchini

“Morire è l'infinito presente”
(Milo De Angelis)

COME SCRIVERE della scrittura di Maurice Blanchot? di un uomo che, nato a Quain nel 1907, ha attraversato tutto il secolo come se fosse, egli stesso, soltanto scrittura, e che ha sicuramente fatto della scrittura non solo una questione di vita o di morte (di vita e di morte), ma la questione delle questioni, il cardine su cui modellare, al quale ancorare la nostra postura nei confronti del mondo – e di tutti i mondi possibili o impossibili? Irregimentarla in un discorso sistematico, rigidamente filato e consequenziale se non deduttivo, non sarà renderle un gran servizio. Sarebbe doveroso restarle fedeli. Ma sarà possibile assumere dentro la propria voce questa voce che vorrebbe darsi solo come voce del fuori, del fuori che oltrepassa ogni fuori – voce intima, che pure non smette di perseguire l’estraneità a ogni rapporto, perché forse è solo in questa distanza siderale, in questa assenza infinita, la chiave di ogni “amicizia” e corrispondenza fraterna? Blanchot non si stancava di battere sulla formula mutuata dall’amico Bataille: “la comunità di coloro che non hanno comunità”.
Invisibile Blanchot. La sua lontananza dai media (se si eccettua la carta stampata) è stata proverbiale. Mai un’apparizione pubblica, mai un microfono o una telecamera. E ovviamente nessuna cattedra. Esistono solo tre foto, scattate negli anni Venti, quando era studente di Filosofia a Strasburgo con Emmanuel Lévinas (il colloquio fra i due sarà destinato a non chiudersi mai). Poi un’altra, Blanchot quasi ottuagenario, rubata a metà degli Ottanta nel parcheggio di un supermercato, e infine un'ultima, qualitativamente la migliore, pubblicata nel 2014 sulla copertina del numero di L'Herne a lui dedicato. Nient'altro. Soltanto Pynchon, e il tardo Battisti, hanno saputo fare di meglio. Eppure, fino al 1938, Blanchot è stato un editorialista politico di un certo rilievo. […]

…segue per 6 pagine nel numero 203 di Blow Up, in edicola ad Aprile 2015 al costo di 6 euro

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#203) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.

Tag: Maurice Blanchot
©2020 Blow Up magazine all rights reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000