Patricia Highsmith
Patricia Highsmith
di Roberto Curti

“Gli americani scelgono sempre i loro eroi tra i criminali”
[Oscar Wilde]

“ERA UNA MATTINA fresca e tranquilla, l’alta scogliera dietro di me digradava a destra e a sinistra del mio campo visivo […]. Poi notai un giovane americano in pantaloncini e sandali e un asciugamano in spalla, che camminava lungo la spiaggia […]; vidi soltanto che aveva i capelli lisci e piuttosto scuri. Aveva un’aria pensosa, forse preoccupata. E perché era solo? […] Aveva litigato con qualcuno? Che gli passava per la testa? Non lo vidi mai più.”
Se è vero che ogni personaggio di fantasia ha sempre e comunque un proprio doppio reale, vivo o morto, il vero Tom Ripley è una presenza fuggevole che Patricia Highmith osserva su una spiaggia di Positano, nell’estate 1952. Se ne ricorderà due anni dopo, nel corso di sei frenetici mesi in cui mette febbrilmente insieme, tra correzioni e ripensamenti, il canovaccio di un romanzo inizialmente intitolato Pursuit of Evil, The Thrill Boys, quindi Business Is My Pleasure, e infine The Talented Mr. Ripley. E che forse nasce proprio da quella domanda che frullava in testa alla scrittrice: cosa gli passava per la testa? Ed è nella testa di Tom Ripley che la Highsmith ci conduce in Il talento di Mr. Ripley e nei quattro che seguiranno, scaglionati nel corso dei sette lustri successivi. E ciò che passa per quella testa non è sempre piacevole. Anzi.
In cosa consiste Il talento di Tom Ripley, a cui allude il titolo del romanzo del 1954? A una prima lettura, si direbbe, principalmente nella falsificazione, nella truffa, nella bugia e, incidentalmente, nell’omicidio. Queste, almeno, le tappe che accompagnano Tom nel suo viaggio in Italia dove prende forma – una forma, come accadrà spesso nelle opere della Highsmith, sfilacciata e traballante, lontana dall’oleata perfezione del thriller canonico – la vicenda che lo vede protagonista. Ma c’è ben di più. Il talento di Ripley è, attraverso gli strumenti del camuffamento, della contraffazione, della menzogna e della sopraffazione fisica, quello che gli consente di annullare la propria identità – un’identità tormentata e insicura, preda di complessi ossessioni e rovelli interminabili. Tom Ripley è l’uomo senza qualità della seconda metà del Novecento. Può essere chiunque altro perché non è nemmeno sicuro di ciò che lui stesso è. O forse, non vuole esserlo: e piuttosto che affrontare il proprio io, tanto vale fabbricarsene un altro. […]

…segue per 10 pagine nel numero 208 di Blow Up, un nuovo NUMERO SPECIALE di 180 pagine in edicola a Settembre 2015 al costo di 8 euro

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#208) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.

Tag: Patricia Highsmith
©2020 Blow Up magazine all rights reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000