RPM: Derek and the Dominos "Layla..."
RPM: Derek and the Dominos "Layla..."
di Gianluca Ongaro

“Non c’è cura
Non c’è cura
Non c’è cura per l’amore.”

Leonard Cohen

QUESTA è una storia tragica. Una storia di amicizia vera e di amicizia tradita. Una storia di vita vissuta alle sue altezze più vertiginose, ma anche una storia di morte. E soprattutto, questa è una storia d’amore. Ma, “di cosa parliamo quando parliamo d’amore?”. Se lo chiedeva Raymond Carver, titolando così la sua celebre raccolta di diciassette racconti uscita nel 1981. Se lo chiedeva, naturalmente, senza dare alcuna risposta. Perché risposta certa non esiste. L’illustre studiosa inglese Tiffany Watt Smith, nel suo “Atlante delle emozioni umane” scrive: “sono stati versati fiumi d’inchiostro…per cercare di esprimere al meglio il concetto…questa sconfinata quantità di parole ci mostra non solo quanto c’è o ci sarebbe da dire sull’argomento, ma anche quanto poco se ne possa dire davvero con sicurezza…un’emozione inafferrabile…sfuggente. Le parole ci sgusciano via proprio nell’attimo in cui stiamo cercando di dirle, e ci resta solo un’alzata di spalle, un po’ dimessa, e un sorriso”. Solo l’Arte, quella con la A maiuscola, quella dei Grandi, può ambire, non certo a dare una definizione, ma a rappresentare l’amore. Carver lo faceva scrivendo delle misere vicende di uomini e donne comuni che si trovano ad avere a che fare con questo insormontabile mistero. Come lui, lo hanno fatto altri scrittori. Lo hanno fatto pittori, registi e autori di canzoni. Nella lezione pubblica tenuta al South Bank Centre di Londra, nel 1999, Nick Cave affermava: “La Canzone d’Amore è l’attualizzazione di Dio e rimane la mia prima motivazione come artista…l’amore è un inspiegabile desiderio…e la Canzone d’Amore si manifesta in forme diverse.” Certo. Perché diverse sono le forme dell’amore. C’è l’amore felice, sereno, quello che fa stare insieme due persone per una vita intera. C’è l’amore calpestato. E poi c’è l’amore disperato, folle, quello che porta a pregare. Ed è di questo tipo d’amore che parla la storia che state per leggere. La storia dell’amore forsennato di un uomo verso la moglie di un amico. E sarebbe una storia ordinaria, una storia che si ripete chissà quante volte ogni giorno in qualsiasi parte del mondo, una storia forse banale, se non fosse stata la causa della realizzazione di uno dei più grandi capolavori della musica rock del ‘900. […]

…segue per 20 pagine nel numero 271 di Blow Up, in edicola a dicembre 2020

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#271) al costo di 10 euro (spese postali incluse) e vi verrà spedito immediatamente come piego di libri.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: non perderete neanche uno dei numeri pubblicati perché in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale vi faremo una seconda spedizione e riceverete a casa i quattro libri della collana trimestrale Director’s Cut il mese stesso della loro uscita per un risparmio complessivo di 60 euro!

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.


Tag: RPM: Derek and the Dominos "Layla..."
©2021 Blow Up magazine all rights reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000