RPM: Nirvana "Nevermind"
RPM: Nirvana "Nevermind"
di Antonio Ciarletta

Mentre scrivevo il pezzo che vi apprestate a leggere, Stefano Isidoro Bianchi mi ha ricordato in una e-mail che il 24 settembre di quest'anno cadrà il venticinquesimo anniversario. Eh già, sono passati venticinque anni tondi tondi dalla pubblicazione di “Nevermind”. E venticinque anni valgono bene una celebrazione, non credete? Anche se, a dirla tutta, mi pare difficile poter aggiungere qualcosa di originale rispetto ai fiumi d'inchiostro che sono stati versati, spesso a sproposito, su quelle dodici / tredici canzoni leggendarie. “Nevermind” occupa, ormai, uno spazio ben definito nell'immaginario collettivo degli appassionati di musica e non, e i significati che reca con sé sono veicolati da concetti così unanimemente condivisi che sembra siano stati incisi con il sangue su qualche antica tavola della legge. Quanto scriveva Il Corriere della Sera online nel 2011 può essere considerato esemplificativo del processo di oggettivazione che ha investivo l'album. Processo di oggettivazione che riguarda, in genere, tutte quelle opera d'arte che riescono a travalicare i confini dell'arte stessa per farsi patrimonio popolare: “L'ultimo disco generazionale, l'ultimo «album-cesura» nell'ormai lungo libro del rock'n'roll. Incredibile dover constatare che, nei vent'anni successivi, nulla ha avuto il medesimo impatto, la medesima forza di rottura di Nevermind. Già, uscì proprio il 24 settembre del 1991 il disco che lanciò in orbita i Nirvana del maudit Kurt Cobain. Esplosione di fragore primigenio, senza regole né codici. E, insieme, urlo disperato dei figli reietti dell'America reaganiana del decennio precedente, davvero senza santi e senza eroi. Sì, nulla di altrettanto dirompente è successo dopo, perché nessun'altra band è più riuscita a condensare in dodici canzoni il giovanile (e tumultuoso) zeitgeist della sua epoca.” Come dar torto al giornalista del Corriere? “Nevermind” è anche questo. O forse sarebbe meglio dire che è diventato anche questo, sebbene concetti come “ultimo disco generazionale”, “maudit”, “zeitgeist della sua epoca” fossero tutt'altro che presenti nelle intenzioni di Cobain all'atto della realizzazione di quelle rabbiose sedute di autoanalisi. […]

…segue per 6 pagine nel numero 220 di Blow Up, in edicola a Settembre 2016 al costo di 6 euro

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#220) al costo di 10 euro - spese postali incluse - e vi verrà spedito immediatamente via posta prioritaria. Se lo richiedete dopo il mese di riferimento dell’uscita vi verrà spedito, come ogni altro arretrato, con il primo invio mensile di abbonamenti e arretrati.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: risparmiate minimo 16 euro sul prezzo di copertina e avete la certezza di non perdere neanche uno dei numeri pubblicati garantendovi tutti gli eventuali allegati e i numeri speciali; in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale ve lo spediremo di nuovo.

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.

Tag: RPM: Nirvana "Nevermind"
© 2020 Blow Up magazine all right reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000