We don't just play guitars
We don't just play guitars
di Beppe Recchia

[nell'immagine: black midi]

L’indirizzo è il 22 di Blenheim Gardens, a una decina di minuti dalla fermata della metro londinese di Brixton sulla Victoria Line. Lì, nascosto tra una sequenza di villini a schiera e un vecchio ufficio postale, si trova il Windmill, pub non particolarmente appariscente – ha più l’aria di una rimessa, specialmente se ci passate davanti di giorno – eppure da tempo considerato punto di riferimento e crogiolo del rinnovamento del rock britannico. Non è di certo una novità che i bar della capitale britannica “battezzino” una scena o un movimento e basterebbe tornare indietro con la memoria a gruppi come These New Puritans, Klaxons, Art Brut, accomunati nei primi anni duemila dalle frequentazioni alcoliche di un’altra zona meridionale, la non troppo lontana New Cross.
A Brixton, però, due fattori hanno finito per combinarsi a doppio filo e con risultati davvero interessanti. Da un lato, la politica di ingaggi del Windmill, che garantisce almeno sei serate di musica dal vivo alla settimana, può scrivere sul proprio sito “per quando ci piaccia spillare birre, è inutile che telefoniate per garantirci una trentina di ingressi se poi la vostra musica fa schifo”; è una dichiarazione più da fan accaniti che da imprenditori, e che proprio per questo fa sì che siano molti i gruppi a calcarne per la prima volta il piccolo palco e a diventarne regolari agitatori. Dall’altro, l’abituale presenza, tra gli avventori, di Dan Carey – produttore di MIA e Franz Ferdinand, ma anche titolare della Speedy Wunderground, etichetta il cui motto è registrare tutto in un solo giorno, rigorosamente dal vivo e possibilmente lontano dalla luce naturale – ha contribuito a dare il senso di una progressione organica dal concerto al disco, sapendo peraltro che Carey preferisce lavorare proprio con i gruppi che lo impressionano dal vivo. […]

…segue per 6 pagine nel numero 277 di Blow Up, in edicola a giugno 2021

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#277) al costo di 10 euro (spese postali incluse) e vi verrà spedito immediatamente come piego di libri.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: non perderete neanche uno dei numeri pubblicati perché in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale vi faremo una seconda spedizione e riceverete a casa i quattro libri della collana trimestrale Director’s Cut il mese stesso della loro uscita per un risparmio complessivo di 60 euro!

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.

Tag: We don't just play guitars
©2021 Blow Up magazine all rights reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000