Thomas Picketty
Thomas Picketty
di Fabio Donalisio

Dev’essere successo qualcosa di strano, ma parecchio, al meccanismo di coagulazione della notorietà, se possiamo ritrovare tra i bestseller un saggio storico sullo statuto del capitalismo di oltre mille pagine, per di più strillante in copertina le parole proibite “capitale” e “ideologia”, con tanto di foto dell’autore in quarta a tutta pagina, manco fosse Ken Follett. Aggiungiamo la fascetta che proclama, indomita: “ogni società ha bisogno di giustificare le proprie disuguaglianze”, e lo stupore potrà dirsi completo. E pensare che si tratta, pure, di un sequel: stesso formato e stessa grafica del precedente Il capitale nel XXI secolo, con cui Thomas Piketty si era imposto all’attenzione e (pseudo)discussione qualche anno fa. Ammettiamo pure che possa trattarsi di uno di quei decori da scaffale – come la Recherche o l’Ulisse, o che so, Horcynus Orca, Gli increati o quella menata dell’autobiografia di Knausgård; o magari, in altri tempi, un altro Capitale; in scaffali di minor pregio, l’opera omnia di Pansa, o l’irrefrenabile voglia di fascismo che trasuda dalla glossolalia di Bruno Vespa – che magari fanno girare una micragna di economia, ma le cui parole più che talvolta non vengono sublimate tramite il processo neurobiologico della lettura; fatto sta che rappresenta una stranezza che forse vale la pena di non trascurare. E fu così che, complice la segregazione (e forse anche per sfuggire – in un altrove linguistico capiente abbastanza da eliminare il rumore di fondo – alle ignominiose e stordenti deformazioni della neolingua totalizzante del nuovo ordine mondiale... pardon, del coviddi), decidemmo – e la decisione merita la grandiosità del passato remoto – di infliggerci la lunga permanenza nella storia dell’evidente refrattarietà delle comunità umane ad applicare qualche elementare principio di equità. Ma andiamo con ordine. […]

…segue per 4 pagine nel numero 273 di Blow Up, in edicola a febbraio 2021

• Se non lo trovate in edicola potete ordinarlo direttamente dal nostro sito (BU#273) al costo di 10 euro (spese postali incluse) e vi verrà spedito immediatamente come piego di libri.

• Il modo migliore, più rapido, sicuro ed economico per avere Blow Up è l’abbonamento: non perderete neanche uno dei numeri pubblicati perché in caso di eccessivo ritardo o smarrimento postale vi faremo una seconda spedizione e riceverete a casa i quattro libri della collana trimestrale Director’s Cut il mese stesso della loro uscita per un risparmio complessivo di 60 euro!

Ogni mese Blow Up propone monografie, interviste, articoli, indagini e riflessioni su dischi, libri, film, musicisti, autori letterari e cinematografici scritti dalle migliori penne della critica italiana.


Tag: Thomas Picketty
©2021 Blow Up magazine all rights reserved
TUTTLE Edizioni - P.iva 01637420512 - iscrizione rea n. 127533 del 14 Gennaio 2000